Consigli immobiliari

Una nuova risorsa per chi si avvicina al mondo immobiliare

img areariservata
Vuoi pubblicare un articolo su CASAndo?

Accoglienza del visitatore

Prima di iniziare a parlare dell’accoglienza del visitatore e di prendere appuntamenti sarebbe opportuno leggere, se non lo abbiamo ancora fatto, il capitolo sulla valorizzazione della casa per apprendere tutte quelle regole più o meno importanti al fine di cercare di presentare al meglio il nostro immobile a chi potrebbe essere il nostro potenziale acquirente.

Quando decideremo di iniziare a prendere gli appuntamenti per far vedere la nostra casa, dovremo fare attenzione a poche ma importanti regole. Dovremo infatti cercare di concentrarli e raggrupparli ad orari ravvicinati per fare in modo che i visitatori vedano altri visitatori interessati. Questo darà loro un messaggio importante: l’immobile è appetibile. Se riusciamo a trasmettere questo imput e la casa gli piace, capiranno anche che non devono tergiversare troppo tempo perché potrebbero formulare la loro offerta dopo qualche altro acquirente e perdere l’affare.

Dovremo fare inoltre molta attenzione nella scelta dell’orario  più vantaggioso per mettere in risalto i pregi o nascondere difetti. Se ad esempio il nostro immobile è molto luminoso, dovremo preferibilmente cercare di farlo visitare ad un orario in cui ci sia il sole, in modo di esaltarne proprio la luminosità. Mentre se abbiamo un immobile un pochino buio sarà meglio farlo visitare la sera, aumentando l’illuminazione interna. 
Avremo sicuramente mille motivi per gestire l’orario  (il lavoro, la scuola dei bimbi, il traffico, ecc.).
L’accoglienza del visitatore e la presentazione dell’immobile, è di fondamentale importanza. Dovremo accogliere i nostri possibile acquirenti con molta cordialità. Gli mostreremo il nostro immobile con amore, facendogli capire che amiamo la nostra casa, che ci dispiace venderla. Mostriamo loro quanto sia bella elogiandone tutte le sue parti migliori. Ripensiamo un pochino a ciò che abbiamo scritto nell’articolo confermandone
le caratteristiche (la zona, la grandezza in mq, il numero di stanze e la loro disposizione razionale, i servizi, lo stato dei pavimenti/sanitari/infissi,  il balcone e/o terrazzo, il panorama, il giardino, il piano, l’impiantistica, il riscaldamento, l’anno di costruzione e/o ristrutturazione, i soppalchi e/o sgabuzzini, il garage e/o posti macchina, la qualità dei materiali di costruzione, la struttura antisismica, lo stato dello stabile,  la luminosità, la tranquillità,  il buon isolamento termico, la certificazione degli impianti, la qualità del vicinato, i bassi costi del condominio, la facilità nel trovare parcheggio, ecc.). Evidenziamo i servizi presenti vicino all’immobile (i negozi/centri commerciali per la spesa, le scuole, gli asili, i parchi gioco, i mezzi pubblici, l’assenza di agenti di disturbo come le ferrovie o il traffico caotico o i locali notturni)

Altro piccolo ma importante accorgimento è quello di far capire durante la visita della casa che già qualcun altro l’ha visitata più volte perché si è innamorato dell’immobile. A questo punto però sottolineeremo che “purtroppo” potremo togliere l’immobile dalla vendita solo con un impegno in denaro (proposta d’acquisto).

Autore:  Redazione   
    
          Share on Tumblr




Newsletter

Iscriviti a CASAndo utile

Cosa devi fare?

Devo affittare/andare in affitto
Devo comprare/vendere casa
Devo ristrutturare casa
Devo traslocare
Documenti utili
Il condominio - regole

▲ Torna su