Consigli immobiliari

Una nuova risorsa per chi si avvicina al mondo immobiliare

img areariservata
Vuoi pubblicare un articolo su CASAndo?

Consigli utili per l'acquirente

La problematica più grande che può capitare a chi deve comprare un immobile, è quella di perdere la caparra che avete versato al venditore nel momento della proposta d’acquisto e nel compromesso. A tal proposito, se siete tra quelle persone che per acquistare un immobile devono chiedere un mutuo, possiamo consigliarvi di avere l’assoluta certezza di poterlo ottenere, quando ottenerlo e quanto poter ottenere.

Come?

Potrete fare prima una ricerca su internet dove ci sono molti portali specializzati per trovare un mutuo più vicino alle vostre esigenze.

Questo potrà servire anche per avere maggiori conoscenze su tutti i prodotti (mutui) che ci sono a disposizione anche se poi vi rivolgete alla vostra banca portando tutta la documentazione e valutare insieme ad un funzionario (il quale sarà ben contento di soddisfare questa curiosità).

Ricordate nel calcolo della disponibilità finanziarie di non dimenticare delle spese a vostro carico che sono:

-Spese del notaio per la compravendita

-Spese del notaio per la richiesta del mutuo

-Imposte di registro

-Imposta catastale

-Imposta di ipoteca

-IVA

-Eventuale spesa di agenzia immobiliare

-Eventuali lavori da fare

-Eventuali spese di trasloco

Lo schema delle tasse da pagare possono essere visionate qui

Avendo le idee chiare sul tipo di spese che potrete affrontare, potrete anche fare un calcolo e stabilire che tipo di immobile cercare in base alle vostre possibilità.

Sarà così più facile, non appena troverete la casa dei vostri sogni, gestire con assoluta sicurezza tutti i passaggi della compravendita non rischiando nulla in denaro.

Attenzione all’intermediario:

Tra i possibili immobili che vi potrebbero interessare vi sono quelli proposti “su progetto”. In questi casi il vostro venditore sarà direttamente il costruttore al quale sarà bene chiedere:

-La concessione edilizia rilasciata dal comune dove è ubicato l’immobile ed il progetto approvato per verificare le autorizzazioni.

-La documentazione dove risulti la proprietà del terreno perché non è sempre scontato che sia del costruttore. Ci sono ad esempio le cooperative che hanno il terreno “in concessione” da parte dei comuni anche per periodi di tempi limitati e che alla scadenza del contratto potrebbero esigere terreni e quanto sopra costruito.

-Copia dell’assicurazione decennale a garanzia dei lavori eseguiti.

-Copia della fideiussione bancaria che assicuri gli importi delle rate pagate fino alla data del rogito. Questo per tutelare l’acquirente da possibili fallimenti della ditta costruttrice.

 

Altro possibile intermediario, anzi il più probabile, è l’ Agenzia. In questo caso  sarà bene accertarsi

-della solidità dell’agenzia

-della presenza di un ufficio (ancora meglio se presente da molti anni). Diffidate insomma dei “fai da te”. Ricordatevi che con la proposta d’acquisto che gli firmerete, dovrete anche versargli una cospicua somma in denaro.


Vi sono poi dei consigli di ordine pratico

  1) Prima di firmare la proposta di acquisto visitate la casa più volte possibilmente in orari diversi (per verificare la luminosità dell’immobile nelle diverse ore della giornata) ancor meglio se accompagnati da altre persone che possano consigliarvi e che possano notare cose che a voi sfuggono.

2) Cercate di immaginare come volete disporre del mobilio che sia nuovo o che sia quello che già avete nella vostra vecchia casa. Un aiuto molto valido potete averlo se vi fate fornire una planimetria in scala, così potrete giocare e vedere come meglio arredarla o che modifiche murarie poter fare.

3) Durante le visite cercate di essere realistici, non lasciatevi prendere dalla euforia della novità. Cercate invece di esaminare lo stato dei vari impianti “idraulico, riscaldamento, elettrico,” infissi “porte e finestre”, murarie “soffitti e muri co macchie di umidità”, rivestimenti “mattonelle, parquet, maioliche per rivestimenti”, stato dei balconi e/o giardini.

4) Fatevi un giro nei dintorni dell’immobile per vedere i servizi “negozi, supermercati, scuole, asili, trasporti pubblici, parcheggi, ”e che non ci siano invece situazioni di disturbo acustico ed ambientali “locali notturni, fabbriche”

5) Se l’immobile è situato in un condominio, richiedi al proprietario se insieme si può incontrare l’amministratore per avere copia del regolamento e controllare la situazione dei pagamenti del condominio, ancora meglio, farsi rilasciare una dichiarazione dove viene specificato che i pagamenti alla data del rogito sono stati tutti effettuati, se sono stati deliberati lavori e nel caso fossero stati deliberati la situazione dei pagamenti.

6) Il notaio che sceglierete avrà il compito di verificare l’esistenza di eventuali ipoteche o altre pendenze.

7) Prima di qualsiasi firma controllate bene ciò state firmando se c’è qualcosa che non siete sicuri prima di firmare chiedete a qualcuno di vostra fiducia.

8) Non fate passare troppo tempo tra la data del compromesso e quella del rogito, inserite una data per il rogito concordata con la banca erogatrice del mutuo, prendete un po’ di tempo in più ma senza esagerare.

9)     Un consiglio molto importante che vi diamo prima di recarvi dal notaio datevi un appuntamento con il proprietario nell’immobile che dovete acquistare e rivisitatelo il modo da verificare che tutto sia come da accordi presi, in special modo se è passato del tempo dalla ultima visita, questo per evitare sorprese dopo l’atto. Tipo danni fatti volontariamente (dispetti) o involontariamente (per il trasloco o altro)dal proprietario o altri, come per esempio danneggiamenti ad infissi, impianti, pavimenti.

     10) La proposta d’acquisto tutela il venditore non l’acquirente in quanto voi vi impegnate con una piccola somma di denaro a comprare ma chi vende può utilizzare i giorni a disposizione per la risposta alla proposta, a vende l’immobile ad un prezzo maggiorato essendosi assicurata la vendita alla cifra accordata con voi. Per non incorrere questo rischio:

-  se viene fatta all’agenzia accordate pochissimi giorni per la risposta di accettazione e fare al più presto il compromesso,

-  se invece è il proprietario concordare subito di fare il compromesso al più presto e controfirmare la proposta utilizzando la cifra da voi consegnata a caparra della vendita.

 



Autore:  Redazione   
    
          Share on Tumblr




Newsletter

Iscriviti a CASAndo utile

Cosa devi fare?

Devo affittare/andare in affitto
Devo comprare/vendere casa
Devo ristrutturare casa
Devo traslocare
Documenti utili
Il condominio - regole

▲ Torna su