Consigli immobiliari

Una nuova risorsa per chi si avvicina al mondo immobiliare

img areariservata
Vuoi pubblicare un articolo su "Consigli immobiliari"?

Vuoi cercare qualche casa in affitto?

Vuoi cercare qualche casa in vendita?

Vuoi cercare la casa con GoogleMap?
Bookmark and Share

Opere di manutenzione ordinaria

L’articolo 3 del Decreto delPresidente della Repubblica 380 del 2001 recita nel punto “a”:
a)"interventi di manutenzione ordinaria", gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti;
a differenza degli interventi di manutenzione straordinaria sugli immobili che sempre nell’articolo 3 nel ma nel punto “b” recita invece:
b) "interventi di manutenzione straordinaria", le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso;
 
In base alla normativa, tutti gli interventi di manutenzione ordinaria sugli immobili, sono quelli in cui non è necessario l’ autorizzazione edilizia rilasciata dagli uffici tecnici comunali “sportello unico per l'edilizia”. In pratica sono quindi tutti quei lavori che servono per conservarne e garantirne nel tempo l’utilizzo, la dovuta sicurezza ed il mantenimento della destinazione d’uso, riparare o sostituire tutte le finiture, e mantenere in efficienza tutti gli impianti presenti nell’immobile.
Tutti interventi fatti, ovviamente, su edifici già esistenti.
Gli interventi di manutenzione ordinaria possono interessare quindi tutto o una sola parte dello stabile. L’unica prerogativa è quella che deve assolutamente mantenere sia l’aspetto esterno sia lo stesso volume, proprio per questo la manutenzione ordinaria è tra le opere edilizie la parte più consistente e diffusa.
Per iniziare queste opere non c’è bisogno di nessun permesso da parte del comune, basta presentare una domanda di inizio lavoro D.I.A. e dopo 30 giorni si può iniziare. Inutile specificare che il proprietario è responsabile delle norme di sicurezza e della regolarità dei lavori eseguiti, gli impianti devono essere eseguiti da lavoratori qualificati i quali devono rilasciare il certificato di conformità alla legge soprattutto per gli impianti di elettricità, gas e montaggio caldaia a gas.
-Per quanto riguarda  la parte interna del fabbricato oltre gli impianti sopra descritti si possono fare lavori tipo rinforzare parti della struttura, togliere/spostare/costruire pareti (tramezzi), sostituire rivestimenti, infissi, serramenti, porte, ecc.
Da ricordare che ci sono dei rapporti tra metratura, illuminazione e areazione degli ambienti  come previsto dalla legge.
- Per quanto riguarda invece la parte esterna del fabbricato sono considerate “manutenzione ordinaria”:
* ripristinare le facciate dello stabile con materiali che abbiano le stesse caratteristiche e lo stesso colore.
* istallare grate alle finestre.
* sostituzione/riparazione delle finestre, portoncini, vetrine, cancelli, ecc..
* riparazione/rifacimento del tetto, delle grondaie importante non modificare le pendenze.
* manutenzione del verde.
* creare posti macchina.

Autore:  Redazione   


Newsletter

Iscriviti a CASAndo utile

Cosa devi fare?

Devo affittare/andare in affitto
Devo comprare/vendere casa
Devo ristrutturare casa
Devo traslocare
Documenti utili
Il condominio - regole

▲ Torna su