Home CASAndo News

Pubblica News

Ricerca Annuncio

Pubblica Annuncio

icona degli articoli pubblicati Dettaglio Articolo  

Nuovo Articolo Il futuro è nelle api antidroga?
Categorie in cui questo articolo è presente :   Scienza            

19 Dicembre 2015

Tutti conoscono i cani antidroga, ma pochissimi sanno che anche le api hanno la capacità di riconoscere la presenza di droghe annusandole. È una scoperta fatta recentemente da entomolog tedeschi (lo studio è stato presentato sulla rivista scientica Plos One). Diversamente dai cani, tuttavia, la rilevazione delle api è fatta "al contrario", in quanto questi insetti fuggono se percepiscono l'odore di droghe. Questo, ovviamente, dopo l'addestramento, che è davvero "lampo". Dopo soli 10 minuti, infatti, le api sono perfettamente addestrate e volano via non appena rilevano, tramite le cellule presenti nelle loro antenne, l'odore dei narcotici. La ricerca è stata guidata dell'Università Justus Schott di Giessen e ha visto le api sottoposte a scosse elettriche in presenza di cocaina ed eroina. In questo modo, gli insetti associano l'odore di queste droghe alle scariche e fuggono non appena ne percepiscono la presenza. Anche se sottoposte a un addestramento più brutale di quello studiato per i cani, le cosidette "api antidroga" consentono numerosi vantaggi. Il fattore che ne spiega l'importanza (e che probabilmente ne determinerà l'eventuale utilizzo) è la brevità dell'addestramento: quello delle api, infatti, dura solo pochi minuti, mentre quello di un cane dura in genere un anno. Inoltre, le api possono "lavorare" senza interruzione per ben otto ore di fila, mentre un cane antidroga deve fare una pausa ogni quindici minuti.

Resta il problema del trasporto e dell'utilizzo in aeroporto. Al momento, il gruppo di ricerca sta approntando speciali apparecchi trasparenti che funzionino da contenitore per le api addestrate. Un sistema di tubi di areazione, poi, incanalerà all'interno le molecole odoranti dei bagagli per farle "annusare" alle api. E, se il sistema dovesse funzionare, si potranno usare anche altri tipi di insetti. Infatti, i risultati degli esperimenti hanno dimostrato che, se le api rilevano immediatamente l'odore della cocaina e della eroina, altri insetti sono altrettanto bravi a trovare altri tipi di droga. È il caso della blatta fischiante del Madagascar (che rileva la presenza di anfetamine) e della tignola della vite (brava a scovare la cannabis).

Fonte:  Serena Marchini   
Tags in cui l'articolo è presente :    scienza            
    
          Share on Tumblr




Iscriviti alle nostre News

Nome: *
Mail: *
Informativa Privacy

icona degli articoli pubblicati Categorie

icona dei Tegs degli articoli pubblicati Tags