Home CASAndo News

Pubblica News

Ricerca Annuncio

Pubblica Annuncio

icona degli articoli pubblicati Dettaglio Articolo  

Nuovo Articolo Olimpiadi di Rio: tagli per 500 milioni e altri in arrivo
Categorie in cui questo articolo è presente :   Sport            

4 Marzo 2016

Le Olimpiadi di Rio hanno avuto e stanno avendo una storia particolare: assegnati a un Paese in boom economico, devono essere organizzati in uno stato di recessione. I tagli per far quadrare i conti si susseguono incessantemente e finora sono arrivati a 500 milioni di euro: intanto gli impianti sono, a sei mesi dalla data di inizio, finiti al 95% e le rinunce ormai vanno a formare una lista sempre più lunga. Solo qualche esempio: il trampolino per i tuffi doveva essere protetto da un tetto così da riparare gli atleti dalla fortissima escursione termica (30 gradi di giorno e nemmeno 20 la sera). Gli allenatori delle squadre di tuffi sono infuriati perché questo rischia di mandare in fumo 4 anni di allenamento.

Nelle stanze degli atleti rimane l'aria condizionata per le pressioni del CIO, ma sono state eliminate le televisioni. Nel villaggio è stata tagliata anche la mensa per i Vip, mentre per quanto riguarda gli impianti sono stati ridotti quello per il canottaggio (eliminando le tribune galleggianti) e quello per il beach-volley a Copacabana. Niente strutture per i giudici e la security, che verranno alloggiati in tenda, mentre i giornalisti dovranno fare a meno di comunicati cartacei visto che si è dovuto tagliare sull'acquisto di ottomila stampanti. In pratica le Olimpiadi di Rio costeranno un decimo di quelle di Londra: anche i volontari impiegati saranno 20 mila in meno rispetto ai 70 mila previsti per risparmiare su vitto, divise e trasporti. In fine a gennaio è stata tagliata la luce per una bolletta dell'energia elettrica non pagata di 200mila euro.

Il punto è che il bilancio 2015 dello Stato di Rio, responsabile dei progetti infrastrutturali (metrò per Barra, bus veloci e risanamento del porto che diventeranno la vera eredità dei Giochi) è stato steso con il petrolio a 115 dollari al barile: ora i soldi arrivano col contagocce. E il budget restante (10 miliardi) vedrà come priorità il termine degli impianti e del villaggio. In ogni caso si assicura che i 45 eventi-test previsti si terranno nella data stabilita. Tutti tranne uno, quello del ciclismo su pista, perché il velodromo è il cantiere più indietro sui tempi nel villaggio.

Fonte:  Serena Marchini   
Tags in cui l'articolo è presente :    Sport    Estero         
    
          Share on Tumblr




Iscriviti alle nostre News

Nome: *
Mail: *
Informativa Privacy

icona degli articoli pubblicati Categorie

icona dei Tegs degli articoli pubblicati Tags