Home CASAndo News

Pubblica News

Ricerca Annuncio

Pubblica Annuncio

icona degli articoli pubblicati Dettaglio Articolo  

Nuovo Articolo Quando lo Stato ci rimette per troppi versamenti all'Erario
Categorie in cui questo articolo è presente :   Fisco            

8 Novembre 2015

In Italia l'evasione fiscale ha numeri da record, ma se è vero che in questo modo la scontano gli onesti (i quali devono pagare di più, anche per i disonesti), può succedere che dare soldi al Fisco possa essere vantaggioso per il contribuente. In Danimarca, infatti, le imprese pagano volontariamente più tasse del dovuto. Il motivo? Le casse statali funzionano quasi da banche, garantendo un interesse del 1% a chi decide di depositare i contanti presso il Ministero delle Finanze. Considerando che i tassi bancari sono negativi (è un classico paradosso di un'economia dove costo del denaro è negativo), l'iniziativa è diffusa a macchia d'olio. È diventata così popolare da risultare un danno per l'Erario. Infatti, nel 2015 il totale delle tasse in eccesso pagate sarà di 8 miliardi di corone (equivalenti a 1,2 miliardi di dollari): una somma pari all'intero gettito fiscale. In pratica, le imprese investono presso lo Stato una corona per ognuna pagata di tasse. E l'Erario deve pagarvi sopra gli interessi. La situazione e' tale che il governo uscente ha proposto di razionalizzare i tassi d'interesse, rendendoli proporzionali all'importo delle tasse pagate: così chi paga troppe tasse li vedrà scendere quasi allo zero. Tuttavia, questo non scoraggerà i contribuenti-investitori: anche un tasso vicino allo zero è sempre meglio delle condizioni proposte dalle banche.

Un'altra conseguenza (ed un altro problema) dei tassi negativi è l'aumento dei prezzi degli immobili. La misura era stata introdotta per difendere il valore della corona rispetto all'euro (in flessione negativa da gennaio), ma ha avuto risultati inattesi sulla convenienza del deposito bancario dei contanti. Così, per non ricorrere all'antica soluzione di "tenere i soldi sotto il materasso", i Danesi, piuttosto che risparmiare in perdita, investono sul mattone. E le quotazioni del mercato immobiliare ne risentono: a Copenaghen in 12 mesi i prezzi delle abitazioni sono saliti del 10%

Fonte:  Serena Marchini   
Tags in cui l'articolo è presente :    Fisco    Tasse         
    
          Share on Tumblr




Iscriviti alle nostre News

Nome: *
Mail: *
Informativa Privacy

icona degli articoli pubblicati Categorie

icona dei Tegs degli articoli pubblicati Tags