Home CASAndo News

Pubblica News

Ricerca Annuncio

Pubblica Annuncio

icona degli articoli pubblicati Dettaglio Articolo  

Nuovo Articolo Salario minimo: è una misura che serve?
Categorie in cui questo articolo è presente :   Economia e Politica            

9 Luglio 2015

Si parla molto del differenziale tra i redditi della classe medio-bassa e quella della ristretta percentuale di super-ricchi. Un argomento altrettanto diffuso, soprattutto nei programmi politici e di governo, è il livello del minimo salariale, ossia la retribuzione minima che spetta ad un lavoratore. Poco si dice, invece, sul rapporto che intercorre tra il minimo salariale ed il costo della vita nei diversi stati europei e degli USA. In realtà, le situazioni sono estremamente varie e gli squilibri registrati sono enormi.

Lo confermano due recenti studi, uno elaborato da Bloomerg e l'altro dall'OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico). Negli Stati Uniti, per quanto le realtà siano differenti da stato a stato (sia per quanto riguarda il costo della vita che per il livello del minimo sindacale) nessun lavoratore riesce a mantenersi lavorando le classiche 8 ore al giorno. Nell'Idaho, uno degli stati meno costosi, per essere autosufficienti bisogna lavorare almeno 52 ore alla settimana. Sembra un'esagerazione, ma in California ce ne vogliono 80.

Tuttavia è nei paesi europei che la sperequazione tra costo della vita e salario minimo è maggiore. Infatti, in Lussemburgo ad un lavoratore bastano 10 ore alla settimana con il minimo sindacale per essere autosufficiente, mentre in Grecia e Spagna ne occorrono rispettivamente 69 e 72. Peggiore di tutte è la situazione della Repubblica Ceca, dove bisogna lavorare oltre 90 ore a settimana per essere autosufficienti. In Francia ed in Germania, invece, ne occorrono rispettivamente 40 e 44.

Bisogna ricordare, tuttavia, che in Francia la settimana lavorativa è stabilita per legge a 35 ore, e ciò evidenzia la situazione allarmante denunciata dall'OCSE: la crisi del debito sovrano, infatti, ha impoverito, e sta impoverendo, progressivamente le classi con reddito medio-basso. In particolare, la situazione riguarda i lavoratori legati al minimo salariale: aumentando il costo della vita il suo valore si riduce progressivamente, portando a paradossi come quello del caso francese.

Fonte:  Serena Marchini   
Tags in cui l'articolo è presente :    Salari            
    
          Share on Tumblr




Iscriviti alle nostre News

Nome: *
Mail: *
Informativa Privacy

icona degli articoli pubblicati Categorie

icona dei Tegs degli articoli pubblicati Tags