Home CASAndo News

Pubblica News

Ricerca Annuncio

Pubblica Annuncio

icona degli articoli pubblicati Dettaglio Articolo  

Nuovo Articolo Settimana della Moda a Parigi: i migliori look in passerella
Categorie in cui questo articolo è presente :   Moda            

14 Ottobre 2015

La Settimana della Moda di Parigi per la primavera-estate 2016 vede focalizzata una grandissima attenzione sulle scarpe: si va da calzature estremamente cool a quelle più bizzarre e comode. Si va dagli stivaletti con zeppa bianca con motivi floreali (collezione Anne Sofie Madsen) a sandali particolari a tacco basso, aperti dietro e chiuse davanti (collezione Each x Other). Inoltre, Léa Peckre (stilista della Maison Lejaby) presenta scarpe ultra flat, rasoterra e bassissime, molto simili alle ciabatte, mentre altri creativi (Anthony Vaccarello e Pascal Millet).

Per quanto riguarda gli abiti, sono molto originali quelli presentati dallo stilista Simone Porte Jacquemus: le modelle indossano capi dal taglio asimmetrico, oppure giocati sul contrasto e sulle dicotomie dei colori. E non si tratta soltanto di abiti, ma anche gonne e top dal taglio obliquo e pantaloni per metà lunghi e per metà coulotte; infine, sono presenti abiti eleganti al ginocchio abbinati a lunghissimi guanti bianchi senza dita e che arrivano fino alle spalle. La sfilata, tenutasi a La Villette (fuori dal centro della capitale francese), è stata una rappresentazione quasi poetica, simbolica, in cui il lieto fine è d'obbligo. Oltre a due gemelle che indossano le due metà della stessa giacca, hanno sfilato abiti da uomo disegnati sul tessuto di una tunica, gonne cortissime abbinate a lembi di tessuto a coprire il seno e una reinterpretazione dell’abito maschile: i capi sono stati scomposti e ricomposti in alcune sezioni di tessuto gessato, il tutto punteggiato da cerchi rossi (figura che ricorda quella del naso con cui Jacquard iniziò il suo percorso nella moda). Infine, la sfilata gioca tutto sulla varia combinazione dei colori della bandiera francese (bianco, rosso e blu).

La collezione di Anthony Vaccarello, invece, si caratterizza per l'utilizzo dei metallo: si va da tubini di maglia metallica ai dettagli metallici disseminati su tutti i capi della sfilata. Questo look vede adottati outfit lunghezza mini e midi, a volte di ispirazione militare (giacche e minigonne patchwork con profilo a contrasto) altre affusolate, in modo da sottolineare le forme del corpo. Si va quindi dalle camicie di chiffon punteggiate di baguette silver, alle tuniche in cui borchie colorate riproducono il volto di Anja Rubik (top model e musa ispiratrice dello stilista) e agli abiti da sera asimmetrici trattenuti da anelli dorati.

Per il brand giapponese Anealage, invece, il look si basa sulla comunicazione interattiva, con abiti fotosensibili in cui i disegni diventano visibili quando vengono illuminati dai flash. I colori bianco, viola, blu notte e grigio (stesi su materiali tecnici riflettenti) si illuminano e si trasformano perché trattati con vernice riflettente ricorsiva. Un capo di abbigliamento per capire il look? Un abito costituito da due gonne unite verticalmente con un motivo dell’iperspazio nascosto.

Fonte:  Serena Marchini   
Tags in cui l'articolo è presente :    Moda            
    
          Share on Tumblr




Iscriviti alle nostre News

Nome: *
Mail: *
Informativa Privacy

icona degli articoli pubblicati Categorie

icona dei Tegs degli articoli pubblicati Tags