Home CASAndo News

Pubblica News

Ricerca Annuncio

Pubblica Annuncio

icona degli articoli pubblicati Dettaglio Articolo  

Nuovo Articolo Tiny houses, non solo abitazioni ma anche filosofia di vita
Categorie in cui questo articolo è presente :   Estero            

31 Gennaio 2016

Città, hotel, film (a cominciare dal cortometraggio pioniere "One Week" del 1920, con Buster Keaton e Sybil Seely)... negli Stati Uniti le tiny houses (cioè le case fai-da-te o letteralmente "case minuscole") sono una vera e propria filosofia di vita, in cui si fondono moda, movimento e risparmio. Infatti, questa nuova frontiera dell'edilizia è perfetta in tempi di crisi: bastano un paio di mesi di lavoro e un costo complessivo di materiali inferiore ai diecimila dollari per garantirsi una piccola casa portatile. Le dimensioni minime previste sono 6 metri per 90 centimetri, ma ovviamente ne esistono anche di più grandi in base alle esigenze ed al numero di chi vi abita. Esattamente come le roulotte e i camper. E, proprio come le roulotte, le tiny houses (se costruite su quattro ruote) consentono di viaggiare e di abitare dove preferisci.

La città considerata più "accogliente" verso le tiny house è Portland (Oregon), dove è stato aperto un tiny house hotel: si chiama Caravan ed è costituito, al posto delle stanze, da piccole case indipendenti che si fermano per un periodo più o meno breve. Segue al secondo posto Spur (Texas) che nel 2014 si è dichiarata "prima città in America amica delle tiny house".

In genere, chi sceglie di abitare in una tiny house è giovane: l'età media è di 20-30 anni e, anche se sono presenti alcune coppie, la maggior parte è single. Oltre alla casa costruiscono da sè anche i mobili, viaggiano con un bagaglio minimo, ma non per questo rinunciano agli animali domestici: 1 o 2, nella maggior parte dei casi gatti (per ragioni di spazio e per mentalità dell'animale). Soprattutto gli abitanti delle tiny house imparano a non accumulare e, a quanto pare, la loro scelta paga in termini di soddisfazione: le storie raccontate sui siti web, libri (memorie e manuali pratici) e documentari (due tra tutti "TINY. A story about living small" e "Small is beautiful") sottolineano in modo particolare i risparmi in termini di spazio e soldi e la maggiore libertà di movimento guadagnata in proporzione. Più è piccola la casa, più è facile muoversi e più grande diventa il mondo.

Fonte:  Serena Marchini   
Tags in cui l'articolo è presente :    Estero    U.S.A.         
    
          Share on Tumblr




Iscriviti alle nostre News

Nome: *
Mail: *
Informativa Privacy

icona degli articoli pubblicati Categorie

icona dei Tegs degli articoli pubblicati Tags