Home CASAndo News

Pubblica News

Ricerca Annuncio

Pubblica Annuncio

icona degli articoli pubblicati Dettaglio Articolo  

Nuovo Articolo VIAGGIO IN VAL DI FASSA
Categorie in cui questo articolo è presente :   Vacanza            

14 Maggio 2015

Al centro del Trentino ai confini con il Friuli, la zona è incontaminata e di una bellezza infinita, consigliata a tutti, sia agli sportivi che alle famiglie con bambini, come anche agli anziani.

Pare che il tempo si sia fermato, nei vari percorsi fra la natura si può ammirare un paesaggio naturalistico senza confronti, se si è abbastanza fortunati si possono incontrare le marmotte, animaletti simpaticissimi anche se selvatici, che vivono in loco, si vedono poco ma si fanno sentire coi loro fischi riconoscibili .

La Val di Fassa è la continuazione della Val di Fiemme, nota per le gare sciistiche che vi si svolgono in inverno, Moena è la città nel confine delle due valli è chiamata anche la “fata delle Dolomiti” .

Lasciata l’autostrada Modena-Brennero alle spalle si prende la strada statale n.48 e s’inizia a salire di quota e l’altitudine si fa sentire per le persone più sensibili, ma ai più c’è solo una sensazione di aria pulita che entra nel corpo da sola.

Attraverso i boschi il paesaggio caratterizzato da una vegetazione rigogliosa si possono vedere le foreste di abete rosso frassino ontano peccio e più in alto il cirmolo e il pino cembro.

Il sottobosco è ricco di piante ed arbusti come l’erica, fragoline, mirtilli neri e rossi, lamponi, ginepro felci licheni e muschio e se si sale di quota ci sono ampie distese di pino mugo.

Inoltre la flora della zona è ricca di piante medicinali, funghi e fiori come la regina dei fiori di montagna la stella alpina che qui nasce e cresce spontanea ed è una bellezza unica.

A Moena si può visitare la chiesa di San Vigilio, ci sono degli appartamenti in affitto dove si può pernottare per la vacanza.

La cucina fassana tipica trentina va dai canederli di vari gusti ( ai porcini, agli spinaci e al fegato) che vengono serviti in brodo o conditi con burro e salvia, agli spatzle tipici gnocchetti verdi, al formaggio Puzzone di Moena, dal profumo intenso ma dal gusto decisamente ottimo, dal famoso strudel di mele trentine doc, accompagnato dai vini tra cui il Teroldego e le grappe in tantissimi gusti.

Da Moena proseguiamo lungo la statale e troviamo il paese di Soraga e subito dopo Vigo, da qui ci si può spostare direzione Bolzano a pochi km c’è il bellissimo Lago di Carezza.

A Pozza è al centro di importante crocevia per arrivare alle piste da sci, Buffaure e quella di Aloch si può ammirare illuminata aperta fino a tardi per sciate fatte in notturna.

Dopo Mazzin si arriva a Campitello, splendida località dalla quale lungo un sentiero nel bosco parallelo alla statale arriva a Canazei ultima perla della valle tutta da visitare.

Fonte:  Manuela Velini   
Tags in cui l'articolo è presente :    Vacanze            
    
          Share on Tumblr




Iscriviti alle nostre News

Nome: *
Mail: *
Informativa Privacy

icona degli articoli pubblicati Categorie

icona dei Tegs degli articoli pubblicati Tags